ACQUAVIVA:
Tenendo presente che la risorsa idrica mondiale, ossia del pianeta, col passare degli anni va diminuendo a causa del nostro modo di vivere consumistico e di concepire il valore primitivo dell'acqua nelle sue più svariate risorse e forme, vogliamo tramite questo progetto sensibilizzare i nostri bambini al rispetto della natura e della diversità
culturale, facendo uso della musica,


della danza e dei colori. Inoltre nei continenti dove l'acqua è indispensabile per la sopravvivenza ma, non sempre disponibile, essa è amata e rispettata nella sua profonda regalità. Questo si denota già nell'Animismo, religione dove gli ancestrali adoravano la natura e i suoi elementi.
Un ritorno a questi principi è d'estrema importanza, nella convinzione che se l'uomo capisse e rispettasse la natura capirebbe se stesso. L'acqua quindi è colore, musica, canto e danza di una divinità chiamata terra, pianeta terra.
Il progetto prevede la possibilità di fare incontri con le scuole (elementari, medie, superiori) con i docenti, con adulti, conferenze, concerti e balletti. Di seguito V'illustriamo il corso indirizzato alle scuole con la possibilità di estenderlo ai docenti.
INCONTRI CON LE SCUOLE:
Si prevede l'insegnamento:
- PSICOMOTRICITA' legate alla Kinesiologia (thouch for health) CROSS nMOUVIMENT
- SOLFEGGIO tramite l'uso delle fiabe in movimento
- ARCHETIPO MUSICALE
- CANTO E DANZA LIBERA
- I TAMBURI AFRICANI
OBIETTIVI DEL PROGETTO
- Sensibilizzazione al rispetto e alla protezione della natura
- Promuovere la consapevolezza all'uso delle risorse naturali, prendere coscienza del bisogno vitale che l'uomo ha dell'acqua, della luce, della terra ecc..per la conservazione del pianeta
- Conoscenza di culture diverse e complesse, della loro storia e geografia

DESCRIZIONE:
Il percorso parte dallo studio del movimento:
- consapevolezza del proprio corpo
- esplorazione della dimensione corporea nello spazio e incontro con l'altro icorpo
- sperimentazione di linguaggi espressivi non convenzionali
- coordinazione dei movimenti con l'uso della musica
Si prosegue con lo studio della musica tramite il solfeggio insegnato facendo uso di fiabe che coinvolgono i partecipanti, semplificano, rendono divertente e comprensibile una materia di non facile studio. Si arriva così ai canti tradizionali africani e alla danza libera:
- approccio a nuovi linguaggi
- conoscenza di nuove tradizioni culturali
- riflessione tra la nostra cultura e la cultura dei popoli africani e Afro-Indo iAmericani.
Il corso si conclude con "l'incontro" dei ragazzi con i tamburi.
Il tamburo è l'immagine del mondo, o il mondo stesso
- origine e nascita del tamburo
- la sessione ritmica
- approccio ai primi insegnamenti basilari
- i ragazzi suonano il tamburo

ORGANIZZAZIONE:
Il corso è organizzato in incontri a classe della durata di un'ora circa ciascuno. Il numero d'incontri è definito in base alle vostre esigenze e disponibilità. Il corso ha la possibilità di essere seguito da un fotografo con il compito di documentare con le immagini l'esperienza diretta dei bambini e il materiale fotografico raccolto potrà essere usato per allestire una mostra. Tutto il lavoro fatto dai bambini durante gli incontri potrà essere espresso in uno spettacolo finale con la loro diretta partecipazione.
MATERIALE PREVISTO:
- documentazione didattica
- tamburi

PICCOLO VIAGGIO ATTRAVERSO I SUONI TRASPORTATI DAI VENTI E DAGLI UOMINI

Musica e cultura dall'Africa a noi

Il progetto è rivolto, in livelli diversi, alle scuole elementari, medie, superiori, università e a coloro che vogliono approfondire le loro conoscenze musicali e storiche.

L'incontro della durata da definire in base alle esigenze e al pubblico cui ci si rivolge, può essere sviluppato in un teatro o luogo similare, adeguato in ogni modo all'esecuzione di musica dal vivo.

DESCRIZIONE
Attraverso un percorso didattico, articolato e completo con l'uso della musica, del canto, delle parole si ripercorrono le tappe storiche della colonizzazione: le conseguenze, la schiavitù; la cultura, la religione, la forza musicale che questi popoli schiavizzati hanno importato dal Nuovo Mondo. L'incontro si sviluppa con la lettura di testi che trattano gli aspetti fondamentali della storia e sviluppano gli argomenti eseguiti nella parte musicale. Il tutto comunque si presenta scorrevole, grazie anche all'uso di un linguaggio semplice e immediato, amalgamato e di facile comprensione pur trattando argomenti storici e musicali spesso difficili.
I punti sviluppati nel progetto:

- spiegazione degli strumenti
- archetipo musicale
- trasposizione dell'archetipo nei diversi ritmi (Brasile, Cuba, Portorico, Haiti, xArgentina, Italia ecc..)
- sincretismo afro-cattolico
- il linguaggio nei canti
- la musica popolare e la musica sacra
- esecuzione dei brani

Attraverso l'esecuzione dei brani, sono illustrati gli strumenti musicali tradizionali, la loro origine e creazione, il loro uso per arrivare infine alla trasposizione negli strumenti moderni. Si conduce così il pubblico in un viaggio musicale suggestivo in terre lontane.

SCOPI
Scopo dell'incontro è di guidare i partecipanti tramite l'ascolto della musica e l'approfondimento storico, alla conoscenza degli usi e costumi dei popoli della foresta, della loro spiritualità fortemente legata, ai canti, alla danza, alla musica. Di comprendere così il legame tra noi e l'Africa, e scoprire culturalmente l'eredità lasciataci da questi popoli.

OBIETTIVI
L'incontro si propone:
- di promuovere comunicazioni interculturali
- di seminare attraverso la musica, il rispetto alla diversità e lo stimolo alla xconoscenza di culture diverse e complesse, della loro geografia e storia;
- di incentivare l'arte musicale, prima come scoperta personale e xapprofondimento, poi come crescita e completamento alla vita.

MODALITA' D'ORGANIZZAZIONE

Il progetto è modulare e prevede la possibilità di sviluppare gli argomenti in base alle esigenze e disponibilità. Può essere quindi trattato tutto in un incontro e in questo caso gli argomenti saranno presentati in maniera più scorrevole e comunicando informazioni generali; si può decidere di approfondire i punti in più incontri; o analizzare in un incontro un unico punto. Il progetto può quindi essere elaborato in base alle vostre esigenze e interesse.

STRUMENTI PRESENTATI
Batteria etnica, Djembè, Congas, Tamburi d'acqua, Tamburi a cornice, Doun Doun Ba, Berimbao, Calabasse, Cabassa, Caxixi, Triangolo, Tabla, Dejeredoo, Bastone della pioggia, Campane tibetane, Bendir, Cajon, Flauto, Fisarmonica, Chitarra, Basso elettrico

IL GRUPPO
E' composto da musicisti professionisti e l'organico varia da otto a dieci persone in base allo sviluppo degli incontri. Il gruppo è fornito di tecnico e impianto audio (microfoni, mixer, casse ecc..)
INDIETRO